TESTI E FOTOGRAFIE SONO DI PROPRIETA' DELL'AUTRICE. IL LORO USO E' CONCESSO SOLO PREVIA AUTORIZZAZIONE.IL MIO BLOG NON RITIRA E NON ASSEGNA PREMI.GRAZIE :)

Saturday, 21 April 2012

CHELSEA BUNS

"There's a charm in the sound,which nobody shuns,
of smoking hot,piping hot Chelsea buns"

(da una vecchia canzone popolare)


I Chelsea buns sono una specialita' classica della pasticceria inglese ed infatti appaiono,piu' o meno,
in ogni libro sulla cucina inglese in mio possesso.
Purtroppo le regole del mercato hanno fatto si che i Chelsea buns in vendita in vari forni e supermercati
siano delle truffe gastronomiche.
Jane Grigson,che su queste cose la sapeva lunga,gia' scriveva nel 1974:
" Until you make well-sugared Chelsea buns yourself,it is difficult to understand why they should have become popular.
Bought,they taste so dull.Modern commerce has taken them over,and,in the interests of cheapness,reduced the delicious ingredients to a minimum-no butter,little egg,too much yellow colouring,not enough spice,too few currants and bits of peel,a stodgy texture instead of a rich,light softness."

Il Chelsea bun e' una delle pochissime specialita' gastronomiche la cui origine e' strettamente collegata a Londra.
Nacque all'inizio del 1700 e la paternita' (sebbene questo sia un punto un po' conteso) viene generalmente attribuito
alla Old Chelsea Bun House in Pimlico.
Il forno era famosissimo ed appartenne alla famiglia Hand per quattro generazioni.
Durante la sua lunga esistenza la Old Chesea Bun House fu frequentata dalla famiglia reale,fatto che senz'altro
contribui' alla sua straordinaria popolarita'.Enormi folle si riversavano per strada (per intenderci,si parla di 50.000
persone) in attesa di poter comprare qualche delizia,e cio' comporto' perfino problemi di sicurezza pubblica.
Nel Venerdi Santo del 1839 si vendettero 24.000 Hot Cross buns,un'altra delle loro specialita'.
Il forno venne purtroppo demolito nello stesso anno.
Tra i proprietari,Richard Hand,un ex ufficiale dell'esercito noto come "Capitan Panino",offriva la dovuta nota di eccentricita' e si distingueva tra la folla poiche' amava indossare una lunga vestaglia ed il fez.
Per chi avesse un interesse ai dettagli morbosi,lo scheletro di Capitan Panino(e quello di suo fratello)
sono custoditi in un museo londinese.
Ma bando alle ciance ed ecco come preparare questi deliziosi panini dolci.
Ingredienti:
450 gr di farina
60 gr di burro
1 cucchiaino scarso di sale
45 gr di zucchero, + un extra cucchiaino per il lievito
15 gr di lievito di birra
225 ml di latte tiepido
1 uovo
Per il ripieno:
175 gr di uvetta sultanina
60 gr di scorzette candite di arancia e limone
175 gr di zucchero di canna
2 cucchiaini di mixed spice o ,alternativamente,cannella
30 gr di burro fuso
Per glassare:
sciroppo di zucchero,
zucchero
-------------------------------------------
1:mettere farina ,sale,45 gr di zucchero ed il burro nel robot e frullare brevemente fino ad ottenere un sable'

2:sciogliere il lievito di birra nel latte tiepido,aggiungendo un cucchiaino di zucchero

3:mischiare lievito e latte con il sable',aggiungere l'uovo e lavorare fino ad ottenere una palla.
Mettere la pasta cosi ottenuta in una ciotola,coprire e porre al calduccio fino a che la pasta sara' raddoppiata in volume

4: nel frattanto,mischiare gli ingredienti per il ripieno,ad eccezione del burro.

5: stendere la pasta dandole una forma rettangolare,spennellarla col burro fuso e cospargerla col ripieno.



6: arrotolare con attenzione la pasta e tagliarla con un coltello affilato in 12 parti.
Mettere a lievitare in un angolo caldo in una teglia leggermente imburrata ed infarinata,con i buns ben distanziati
tra loro.


7: i panini saranno pronti da infornare quando si saranno uniti tra loro


8: infornare a 190-200 gradi fino a quando i buns saranno belli dorati.
Quindi,appena fuorisciti dal forno,spennellare leggermente con sciroppo di zucchero
(io uso 40 gr di acqua per 50 gr di zucchero) e dare una spolveratina con zucchero granulato.
Indossare il fez e mangiare con gusto.

Note.La pasta e' piuttosto morbida,ma e' assolutamente un goiellino.Sconsiglierei l'aggiunta di farina per rendere
le cose piu' facili,la pasta risulterebbe piu' pesante.Per quanto la ricetta non la includa,ho aggiunto alla pasta
la buccia di un'arancia.Dona ai buns un profumo delizioso.Come si vede dalla foto,ho sperimentato un pochino ed ho
preparato meta' dei buns con la Dundee marmalade. Risultato? Buoni,non c'e' che dire,ma li preferisco senz'altro nella versione tradizionale.

BUON APPETITO!





8 comments:

anirac said...

buonissimi!! ma scusa quale sono le mixed spezie per aggiungere? grazie!

Federica said...

Mi ricordano vagamente i cinnamon rolls di cui vado pazza. per un'amante come me delle spezie sono la brioche perfetta :) Baci, buona domenica

CorradoT said...

Ma ciao!! Dov'eri finita?
Interessanti questi buns. Hai aggiunto anche dell'all spices?
:))

Terry said...

Bello ritrovare i tuoi post... Cn gli amati effluvi inglesi ;) boni i chelsea buns... Ti sn venuti benissimo!

ziacrostatina said...

Bentornata!
Deliziosi questi dolcetti....
ma quando dici mix di spezie,quali intendi???Grazie...

Edith Pilaff said...

@ anirac e @ ziacrostatina:
mixed spice e' un miscuglio di spezie che si compra gia' pronto al supermercato.Si tratta di cannella,noce moscata e pepe giamaicano.Ma a volte c'e' anche dell'altro,specialmente chiodo di garofano. Un salutone!

@ Federica: ciao,si ricordano proprio i cinnamon rolls.Bacioni e a presto!

@ CorradoT: ciaoooo.Si, l'allspice e' incluso nel mixed spice. :)

@ Terry:sono proprio buoni,specialmente quando sono ancora caldi ed appicicosi...E' per questo che non li faccio spesso! Un bacio.

Chiara Giglio said...

belle queste girelle, me le segno! un abbraccio !

Lara said...

Che nome originale per il tuo blog, mi e' piaciuto tanto che mi sono unita tra i tuoi followers! Se ti va, fai un passo dalle mie parti, sarai la benvenuta, Lara.