TESTI E FOTOGRAFIE SONO DI PROPRIETA' DELL'AUTRICE. IL LORO USO E' CONCESSO SOLO PREVIA AUTORIZZAZIONE.IL MIO BLOG NON RITIRA E NON ASSEGNA PREMI.GRAZIE :)

Friday, 7 January 2011

SALAT OLIVIER




Verso la fine degli anni 80 quest'insalata fu piuttosto di moda a Londra,per poi scomparire nei recessi dell'oblio sostituita dalla ormai onnipresente Caesar salad.
Il nome mi ha sempre incuriosita,dato che non sembra particolarmente russo.
Fu solo quando riuscii a mettere le grinfie sul carinissimo libro di Lesley Chamberlain,The food and cooking of Russia,che il mistero fu svelato.
L'Olivier che diede il nome a questo piatto era infatti un cuoco francese che apri' un ristorante a Mosca chiamato Hermitage.Il ristorante fu considerato tra i migliori in tutta la Russia e fu popolarissimo presso la nobilta'.I camerieri indossavano lunghe tuniche bianche con una corda rosso porpora sui fianchi,o,nei giorni di festa,divise di seta colorata.
Tornando alla nostra insalatina,essa fu di cosi santo successo che il sotto cuoco dell'Hermitage,tale Ivan Ivanov tento' di "rubarla'"(la ricetta originale fu un segreto che Lucien Olivier non rivelo' mai nemmeno ai suoi cuochi)per poi proporla sotto altro nome in un altro ristorante.
Si tratta,per farla breve,di una versione particolarmente ricca dell'insalata russa.
E' un poco dispendiosa nella preparazione,ma ne vale decisamente la pena.
Esistono miriadi di versioni di questa insalata e spero che la signora Chamberlain mi perdoni per non aver usato la sua...
Ecco come procedere:
1:preparare i cetrioli con qualche ora d'anticipo.Mischiare 114 gr di zucchero e 140 gr d'aceto di vino bianco ed aspettare fino a quando lo zucchero cominciera' a sciogliersi.Quindi tagliare fettine sottili 160 gr di cetriolo,mettere le fettine nell'aceto e zucchero ed aspettare un paio d'ore fino a quando le fettine si saranno raggrinzite.
I rimanenti ingredienti saranno:
120 gr. di cipolla finemente tritata
40 gr. di olio d'oliva
395 gr di pisellini novelli surgelati
215 gr.di gamberi
290 gr. di pollo bollito tagliato a listarelle
440 gr di patate lesse tagliate a cubetti
4 uova sode
70 gr di cetriolo tagliato a dadini
1 mela,sbucciata e tagliata a tocchetti
270 gr di maionese,sale pepe e succo di limone

2:far soffriggere la cipolla nell'olio d'oliva,quindi aggiungere i pisellini novelli,cuocere per 2-3 minuti.Aggiungere 330 gr d'acqua,unpo' di sale e continuare la cottura fino a quando il liquido sara' evaporato ed i piselli saranno tenerissimi.

3:quindi amalgamare tutti gli ingredienti (assicurandosi di scolare per bene i cetrioli sottaceto) con la maionese ,aggiungere una spruzzatina di succo di limone ed aggiustare di sale e pepe.

NOTE.
Originariamente questa preparazione veniva fatta con questa bestiolina
(Tetrastes bonasia)




Le mele per la salat olivier sono di una particolare varieta' detta antonovka,
qui sono state rimpiazzata da delle comunissime gala...

BUON APPETITO!

27 comments:

( parentesiculinaria ) said...

Sempre interessante, carissima... Hai ragione... sembr aun versione più elaborata dell'insalata russa, anche se a naso credo che la preferirei...
Sarà la presenza della mela che credo conferisca delle note dolci all'insieme leggermente agro...
Ad ogni mod sembra moooolto appetitosa!

viola said...

questa ricetta la trovo davvero interessante. Io sono un'appassionata di insalata russa, ma proprio la mangio spessissimo ma questa versione non la conoscevo proprio. E figurati se non la provo e sono sicura che mi piacerà molto. Magari evito la bestiola in foto...sarebbe davvero troppo per me :D
Un bacione e grazie per la ricetta.
A presto

La Gaia Celiaca said...

sembra proprio squisita, e anch'io, che pur amo l'insalata russa traditional, ne sono ispirata, perché le mele e il pollo la rendono sia più ricca che più croccante

e poi è molto divertente la storia!

ne approfitto per farti gli auguri di buon anno, anche se un po' (un po'????) in ritardo!

Cristina said...

Che bella questa ricetta, l'insalata russa mi piace tantissimo e quando faccio qualche festa la propongo sempre questa tua si aggiungerà alla lista.Grazie per tutte le notizie che dai sono molto belle da leggere.
un abbraccio

Chiara said...

mi sembra molto appetitosa e dato che adoro l'insalata russa penso che questa versione ancor più ricca sarà l'ideale per me...Un bacione e buon we....

acquaviva said...

la tua lavorazione dei cetrioli è praticamente giapponese!
Io ho sempre fatto la Olivier con cetrioli crudi nature e cetriolini dolci sotto aceto, miele e senape, senza gamberi e con la lingua lessa al posto del pollo, ma si tratta nautralmente una versione molto più "casalinga" e povera. Uso pisellini appena scottati, mentre so che nel gusto nazional-popolare locale è maggiormente apprezzata la versione in scatola, probabilmente l'unica reperibile a costi contenuti.

Federica said...

Che ricco mix di sapori in quest'insalata. Non amo molto l'insalata russa più che altro perchè non amo la maionese. Magari condita solo con olio e limone! Mi stuzzica questo insieme con l'aggiunta della mela. Un bacio e tanti cari auguri di buon anno

Ely said...

davvero elaborata ma molto interessante, le mele e il pollo come ingredienti diversi mi ispirano davvero! come sempre le tue ricette sono sempre belle e molto interessanti! grazie e un bacione!
dimenticavo auguri di un felice anno nuovo! Ely

speedy70 said...

Di gran gusto questa insalata, interessantissima!!!! Grazie cara, la annoto e la provo di sicuro; baci!!!!!

Eleonora said...

molto interessante. mi piace proprio tanto. bravissima

Sonia said...

ciao Edith Pilaff, come ti ho scritto nel mio blog ciò che mi affascina è il tuo alias :-)) ma ora che approdo nel tuo di blog, ciò che mi affascina è il contenuto delle tue ricette, spiegazioni comprese. Fai della robina davvero particolare e sei molto intrigante nelle tue premesse. Un blog sciccosissimo. davvero complimenti e buona serata.

chamki said...

Mi piace che racconti la storia e questa insalata e' interessante anche se al momento mi pare troppo ricca. . . ma forse perche' ho la pancia piena. Un bacione.

madama bavareisa said...

molto interessante la storia di questa insalata... sono molto affezionata all'insalata russa di mio suocero... ma una versione alternativa è sempre occasione di confronto!

Aiuolik said...

La Caesar salad la conosco pure io, questa no. Se non lo dici a nessuno, soprattutto a Olivier, magari la provo senza i piselli ;-)

Ciaooo!!!

Patrizia said...

Raffinatissima questa versione della Olivier! Mi piace moltissimo!

Edith Pilaff said...

@(parentesiculinaria):Ciao,anch'io la preferisco all'insalata russa.Le mele sono l'ingrediente vincente!
Un bacione.

@ viola: si,forse e' il caso di evitare la bestiola!
A presto!

@ La Gaia Celiaca: ciaooo,auguroni anche a te!Provala,le mele sono davvero una rivelazione..
Un abbraccio.

@ Cristina: ciao cara,anch'io faccio spesso l'insalata russa per
le feste o i pic-nic.E' sempre un piatto sicuro!
A presto,un bacio.

@ Chiara:il tuo,insieme ad altri commenti,mi fa pensare a come sia diventata di casa l'insalata russa in Italia.In effetti e' un piatto che merita,e fa sempre il suo figurone nei buffet.
A presto! :)

@ acquaviva: ciao,non sapevo della "connessione" giapponese dei cetrioli! Me li ha insegnati,diversi anni fa',un signore scozzese!E' verissimo,oramai la Olivier si fa con i piselli in scatola...
:)

@ Federica: Auguroni anche a te!Se scegliessi la strada olio e limone,ti consiglio una punta di senape,ci sta a meraviglia.
Un bacione!

Edith Pilaff said...

@ Ely:ciao,auguroni!sono contenta che la ricetta ti stuzzichi.Purtroppo ho scoperto che da assuefazione...
Bacioni.

@ speedy70:ciao,tres gentil,ti ringrazio. A prestissimo...

@ Eleonora:grazia,sono contenta che ti sia piaciuta! :)

@ Sonia: ciao,ti ringrazio davvero di cuore per le gentili parole.Come sai,sono passata da te ed ho il sospetto che diventeremo commensali virtuali.Un salutone

@ Chamki:intendi dire che non c'e' posto nel pancino per quasi 3 etti di maionese (LOL)? Un bacione.

@ madama bavareisa: eh no,non te la cavi con cosi poco...Passero' da te a cercare l'insalata russa del suocero,e nel caso non la trovassi la esigo entro un mese!
Un abbraccione.

@ Aiuolik: promesso,my lips are sealed! :)

@ Patrizia:ciao,grazie di cuore!

Kiara said...

Concordo con le colleghe, ricetta molto interessante e originale! Un bacione e complimenti! ;-D

madama bavareisa said...

sai che la sua ricetta non ce l'ha nessuno...non l'ha mai scritta, e non l'ha lasciata a nessuno :-(
magari un giorno cerco di ricostruirla....

twostella il giardino dei ciliegi said...

Molto interessante! Appunto mentale per l'estate, quando i cetrioli dell'orto abbondano :-)

Edith Pilaff said...

@ Kiara:ciao,piacere di conoscerti!
Grazie per il gentile commento. :)

@ madama bavareisa:sai che questo problemino accade a tutt'oggi?
I cuochi sono strane creature!!

@ twostella il giardino dei ciliegi: Hai l'orto? Sono verde d'invidia!Un salutone. :)

Onde99 said...

La storia è affascinante, ma la ricetta, assolutamente più chic di quella più conosciuta, lo è ancora di più!

Claudia said...

ma io la trovo eccezionale!!!! tutto ciò che è mischiato con la maionese mi fa imapzzire!!!! smackkkk .-)

sabrine d'aubergine said...

Un'insalata che non conoscevo: quante cose mi perdo quando non ho il tempo di girare per blog! Grazie per la ricetta, che è davvero interessante. E a presto

Sabrine

Le pellegrine Artusi said...

Ottima questa insalatona ricchissima. Mi sono molto goduta il tuo post per una curiosona come me questi aneddoti sono delizia allo stato puro! Bacioni

Gunther said...

è un insalata niente male, decisamente più ricca dell'insalata russa ma anche migliore con pollo e pesce, devo dire che non mi dispiace per nulla, ottimo post

Edith Pilaff said...

@ Onde99:ciao devo confessare che anch'io la preferisco alla versione piu' conosciuta..
A presto!

@Claudia:sono contenta che ti piaccia!Per quanto riguarda la maionese l'unica maniera per non mangiarla per me e' non comprarla,altrimenti la metto dappertutto!
Un bacio.

@sabrine d'aubergine:abbiamo un problema in comune!Come si fa a girare tutti blog?Siamo tantissimi!
Un bacione!

@Le pellegrine Artusi: ciao,grazie della visita.Ci rivediamo per il dolce? :)

@ Gunther:Ciaooo,in effetti e' una insalata piuttosto ricca,ma una volta ogni tanto.... :)