TESTI E FOTOGRAFIE SONO DI PROPRIETA' DELL'AUTRICE. IL LORO USO E' CONCESSO SOLO PREVIA AUTORIZZAZIONE.IL MIO BLOG NON RITIRA E NON ASSEGNA PREMI.GRAZIE :)

Friday, 23 May 2008

Fulvar,ola watana ana batatya chi bhaji



Il nome di questa ricetta e' ,ehm,quite a mouthful.Un caro amico era solito dire che,se digitando su Google il nome di una pietanza non si avesse nessun riscontro,allora si aveva tra le mani una
''chicca'' o una ricetta immaginaria.Mi piace pensare che questa sia una ricetta immaginaria,come il ''Cane alla Betty''(ho italianizzato un po' il nome) che suscito' ondate di orrore qualche anno fa a
Londra(e anche qualche risata perversa,chi conosce la ricetta sapra' di cosa parlo).Ma bando alle
divagazioni e torniamo alla nostra ricettina.Per fare questo stufatino serviranno:
1/2 cucchiaino di asafoetida
1 cucchiaino di semi di senape neri
10-12 foglioline di curry
2 peperoncini verdi
foglie di coriandolo
1 pizzico di zucchero + sale quanto basta
75 ml. d'acqua
350 gr. di cavolfiore
230 gr. di patate
125 gr di piselli surgelati
60-70 gr di olio di semi
40 gr di noce di cocco(fresca)grattuggiata
-------------------------------------------
1:fate riscaldare l'olio aggiungete l'asafoetida.Fate soffriggere per qualche secondo,quindi aggiungete i semi di senape nera e continuate la cottura per qualche secondo fino a quando i semini cominceranno a scoppiettare.A questo punto mettete le foglioline di curry e mischiate
velocemente.E' vitale che questi passaggi iniziali vengano eseguiti celermente,la delicatezza
di questo piatto (ed in genere di tantissime specialita' indiane) dipende proprio dall'ordine e dalla cura con cui si soffriggono le spezie.
2:Aggiungete i peperoncini verdi tritati,l'asafoetida,le patate tagliate a cubetti,i piselli ed il cavolfiore a pezzetti.Soffriggere per 2 minuti.
3:Aggiungere il sale,lo zucchero e l'acqua.Appena l'acqua comincera' a bollire coprite il tutto con un coperchio e cucinate fino a quando le patate saranno tenere (15 minuti circa).
4:Spegnete il fornello,cospargete la pietanza con la noce di cocco grattuggiata e le foglie di coriandolo tritate.Rigirare con un cucchiaio di legno e...voila'
P.S. Sto pensando ad una connessione Indo-Sarda qui.L'asafoetida e' una spezia dall'odorino un po' nauseabondo (i francesi la chiamano merde du diable) ed e' tipica della cucina indiana. Si
ricava da un tipo di ferula,una pianta delle Ombrellifere.Non so se la specie in questione cresca in
Sardegna,pero la ferula cresce in abbondanza nell'isola.E se si potesse produrre in terra sarda?
Abbiamo gia' La Saporita,perche' no La Pudescia?
A toute l'heure,
Edith

1 comment:

Fico e Uva said...

ohh ohhh che super ricetta.. ma per trovare tutti gli ingredienti ci vuole un bell'impegno! Il tuo blog ha un sacco di curiosità.. ci piace sempre +!!