TESTI E FOTOGRAFIE SONO DI PROPRIETA' DELL'AUTRICE. IL LORO USO E' CONCESSO SOLO PREVIA AUTORIZZAZIONE.IL MIO BLOG NON RITIRA E NON ASSEGNA PREMI.GRAZIE :)

Thursday, 2 December 2010

SWEETCORN AND BACON CHOWDER

 

 
Posted by Picasa


Le chowders sono delle zuppe rustiche la cui caratteristica principale e' quella di contenere,tra gli ingredienti,latte o panna (od entrambe).
E' una preparazione inequivocabilmente associata agli Stati Uniti,per quanto le sue origini siano franco-canadesi.
Le tribu' pellirosse delle province marittime canadesi apprezzavano enormemente le vongole,che cucinavano in maniera rudimentale usando pietre roventi che venivano deposte in "pentole" ricavate da tronchi d'albero.Con l'arrivo dei francesi in terra canadese arrivo' anche la "chaudiere",la pentola da cui la chowder prende il nome.
Le tribu' indiane adottarono tale pentola con entusiasmo e cosi' nacque questa specialita'.Questo non e' certo l'unico piatto degli indiani d'America che e' andato ad occupare un posto d'onore nella gastronomia americana;il succotash,originariamente preparato dalle tribu' del Rhode Island appare spesso sulle tavole americane.
A tuttoggi,la chowder di vongole rimane la piu' popolare di queste preparazioni,ma devo dire che non sono una grandissima ammiratrice dell'accoppiata vongole-latte.
Questa versione col mais e' facile da farsi,economica e adorata dai bambini,forse per via della sua relativa dolcezza.
INGREDIENTI
150 gr di cipolla,tagliata a fettine sottili
50 gr di burro ( io uso 25 gr di burro e 25 gr di olio d'oliva)
225 gr. di patate,tagliate a cubetti
1 barattolo da 340 gr di mais (peso netto 285 gr)
1 foglia d'alloro
450 gr di buon brodo
5 o 6 fettine di bacon affumicato,cucinato fino alla croccantezza (si puo' dire?)
110 gr di panna
sale,pepe e prezzemolo
----------------------------
1:cucinare le cipolle nell'olio e nel burro fino a quando saranno quasi trasparenti.

2:aggiungere un poco di sale,l'alloro,le patate ed il brodo.

3:quando le patate saranno ben cotte ed inizieranno a disfarsi,aggiungere il mais,la
panna e sobbollire per 10 minuti circa.

4:aggiungere il bacon croccante ed una spolveratina di prezzemolo tritato.
Aggiustare di sale e pepe

NOTE. Una volta aggiunta la panna e' importante non far bollire la zuppa vigorosamente,poiche' potrebbe "impazzire".Spesso e volentieri queste zuppe vengono servite con dei crackers non salati sbricionati grossolanamente nel fondo del piatto.
Infine,per chiunque sia interessato all'argomento, il libro The Book of Chowder di Richard J. Hooker e' praticamente una bibbia.
BUON APPETITO!

23 comments:

Cristina said...

Ciao cara, non sono molto amante delle zuppe e sopratutto del mais,anche se la ricetta mi sembra interessante come molto interessanti sono le tue spiegazioni.
un bacio

anirac said...

ciao,
Cristina mi ha tolto le parole delle labre....enanche a me piacce molto il mais, ma 'entrata di oggi é molto interessante
grazie!

Glu.fri cosas varias sin gluten said...

Nel paese del mais devo proprio provarla...mi ha sempre trattenuto il livello della panna...ma devo provarla, mi hai incuriosito!

Muscaria said...

Questa mi manca, non l'ho mai mangiata...

Kisses!!!

terry said...

Io e te mi sa abbiano varie cose in sintonia, uno adoro il fatto che tu metta sempre la storia delle ricette, cosa che adoro scoprire anche io... poi mi hai ricordato due cose che vorrei provare da una vita, il succotash e il clam chowder! :)
ma anche questo corn lo proverei volentieri! baciotti

Ely said...

io adoro le zuppe... mi piace sapre che questa ricetta sia così antica... ha un gusto speciale in più! ciao Ely

Federica said...

che bontà! complimenti!

Ramona said...

Il blog Farina, lievito e fantasia in collaborazione con Ballarini, ti invita a partecipare ad un contest a premi.
Ai 3 vincitori saranno assegnati 3 fantastici prodotti Ballarini.
Cosa aspetti? Dai libero sfogo alla fantasia e partecipa al contest.
http://farinalievitoefantasia.blogspot.com/2010/11/contest-foodblogger-ai-fornelli-con.html

Robjana said...

Il nome del tuo blog è geniale!!! Non potevo non entrare a curiosare :)
Un bacione

Mammazan said...

I tuoi post sono sempre interessanti..
Mi piace sempre molto leggere l'incipt di ogni ricetta che, credimi, le valorizza molto...
Un abbraccio

acquaviva said...

per un clam chowder che non risulti troppo stucchevole al nostro palato ti conviene diminuire drasticamente il latte ne bastano un paio di cucchiai alla fine per sbiancare leggermente il brodo) ed aumentare un po' il bacon: il rapporto vongole e bacon decide per tutto il resto!
A Boston la vera chicca sono quei minicracker tondi e gonfi da far galleggiare sopra a tutto. Sai mica come si preparano?!

Edith Pilaff said...

@ Cristina e anirac:anche nella mia famiglia il mais non va molto!
Vorra' dire che la chowder sara' solo per me..
Un bacione!

@ Glu.fri cosas varias sin gluten:
ciao,nel post non l'ho scritto ma sostituendo meta' della panna con del latte si ottiene un risultato un po' piu' leggero ed ugualmente buono.Un abbraccio. :)

@ Muscaria:ciao,provala nei giorni in cui hai freddo al cuore.It's a revelation! Daffodils,xxx

@ terry:abbiamo in comune anche il desiderio per il succotash,non lo mangio da anni!!
S'ha da fare.....
Un bacione.

@ Ely:ciao,un gusto speciale senz'altro....Mi piacerebbe sapere un po' di piu' su cio' che cucinavano le varie tribu',ma il tempo scarseggia...
A presto!

@ Federica:ciao,grazie della visitina!Mi viene in mente una cosa che tu faresti benissimo:il corn bread!Sarebbe un buon accompagnamento..
Un bacio.

@ Ramona:ciao,piacere di conoscerti!Poi passo da te a curiosare....

@ Robjana:ciao,benvenuta a casa Pilaff,ricambiero' la visita,metti su l'acqua per l'afternoon tea! :)

@ mammazan: un abbraccio a te!Mi meraviglio sempre delle storielle nascoste dietro al cibo.
A presto.

@ acquaviva:ciao,grazie della dritta,anch'io stavo pensando un simile barbatrucco,le mie ricette per clam chowder hanno quantita' INGENTI di latte!Per quanto riguarda i crackers,li ricordo bene!Sono quelli che chiamano ship biscuits,se non sbaglio.Non li so fare,un tempo sapevo fare i biscuits americani da servire con stufati o col gravy,ma mi sa che sono tutt'altra cosa....
Un bacione.

fantasie said...

Penso che questa sarebbe l'unica zuppa che i miei figli sarebbero felici di vedere in tavola!!! ... be', e devo dire anche io!!!

Muscaria said...

I'll try it for sure ;-)

Smack xoxo

labandeibroccoli said...

i tuoi post sono sempre interessantissimi!
adoriamo le zuppe, ma le prepariamo sempre senza panna. dovremo tentare questa. buona domenica :)

madama bavareisa said...

mi incuriosisce l'uso della panna in una zuppa che non sia vellutata o similari.... me la segno, l'inverno è ancora lungo!

( parentesiculinaria ) said...

Come te anche io storco il naso di fronte a quella accoppiata...
ma magari è solo pregiudizio! Basterebbe educare lo stomaco, probabilmente.
Ad ogni modo preferisco la tua versione... :)

Edith Pilaff said...

@ fantasie:allora te ne mando un pentolone!Sono contente che ti abbia stuzzicato.
Un bacio

@ Let me know,and i'm still waiting for your "Tesco adventure"....
Love.

@ labandeibroccoli: grazie!Anch'io,generalmente,pappo zuppe senza la panna...
Un abbraccio e a presto!

@ madama bavareisa: L'inverno e' ancora lungo!Non ti dico la sofferenza,soprattutto quando il trasporto pubblico va in tilt!
Tempo di spararmi un sticky toffee pudding...
Un bacione.

@ (parentesiculinaria):Sai com'e',le arselle sono buone cosi come sono e faccio fatica a "diluirle" con altre cose...
Un abbraccio e a presto!

Fico e Uva said...

Devo dire Cara Edith che sono rimasta molto affascinata dal tuo racconto...é un piatto molto particolare ..l'unico aspetto che mi lascia un Pó perplessa é la presenza del mais che non amo particolarmente..chissà magari in una zuppa come questa mi potrebbe anche piacere ;-))
Un bacione

CorradoT said...

Sei molto gentile a citarmi. E certo che non ho niente in contrario!!
(devo ancora trovare un cuoco a cui non facciano piacere i complimenti per le sue ricette).
Per quanto riguarda il tuo chowder anch'io sono perplesso sulla quantita' di latte, ma son gusti...
Brava, bel blog :)

Muscaria said...

I will! ;-)
True, my Tesco adventures!!! I'll make a post about, one of these days :P

Edith Pilaff said...

@ Fico e Uva:ciaoooo,il mais e' senz'altro un ingrediente particolare,ecco perche' mi stupisce che qui i bambini lo adorino..
A presto!

@ Corrado T: ciao,che onore avere un cuoco da queste parti!Nel caso ricapitassi da queste parti,chiudi gli occhi e fai finta di niente...

@ Muscaria: i'll be awaiting with mounting excitment,i've been to Tesco yesterday and it's chaos and mayhem in there!!Recession?What recession? xxx

speedy70 said...

Ma che meraviglia questa insolita zuppa, gustosissima e perfetta, scalda anche lo spirito!! Brava cara, un abbraccio. . .